Acne: tre pericolosi rimedi “fai da te”

Quando si parla di acne, si fa spesso riferimento a brufoli e punti neri solitamente legati all’adolescenza ed allo sviluppo fisico: ad essere colpiti da questa “malattia”, sono maschi e femmine in egual misura, nonostante il luogo comune voglia le ragazze più impegnate dei maschietti nella lotta all’acne.

In giovane età, si tende tuttavia a dare molto peso a questo problema, e molto spesso si cercano anche delle soluzioni “fai da te” che potrebbero essere invasive e che potrebbero addirittura peggiorare la situazione.

Medici e specialisti della pelle consigliano sempre di evitare il fai da te, in quanto nella lotta all’acne molti prodotti (anche naturali) potrebbero alla lunga creare danni e problemi molto più gravi e molto più difficili da sconfiggere rispetto al problema iniziale.

Vediamo i principali indiziati:

  1. Il limone: esso funge da astringente, e viene molto spesso utilizzato in situazioni critiche “dell’ultimo minuto”. Attenzione a non abusarne però: l’acidità di questo frutto può rendere la pelle secca e peggiorare alla lunga la situazione, specialmente in pelli giovani;
  2. I cosmetici: Ammettiamolo, in quanti casi abbiamo utilizzato il fondotinta per mascherare i nostri brufoletti? Niente di più sbagliato: la pelle ha bisogno di respirare, e non va maltrattata!
  3. L’arte dello “schiacciamento”: Martirizzare quel povero brufoletto che campeggia sul nostro viso non può fare altro che rendere la nostra pelle ancora più sofferente e soggetta ad ulteriori infezioni!
Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento qui sotto

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi