Brufoli: non solo in adolescenza

I brufoli sono il caratteristico segno di passaggio da una età sessualmente immatura ad una età in cui, invece, viene raggiunta da ciascun individuo la maturità sessuale.

La superiore insorgenza di brufoli che caratterizza tutti gli adolescenti è dovuta al fatto che il brufolo si forma all’interno del canale follicolare, in cui è presente una ghiandola chiamata ghiandola sebacea, che emette un liquido untuoso chiamato sebo e tale ghiandola reagisce ai cambiamenti ormonali.

Il sebo è una sostanza protettiva della pelle: protegge i pori dagli agenti atmosferici, mantiene una elasticità superficiale della pelle, protegge la nostra epidermide da micro traumi che potrebbero causare lesioni alla superficie della pelle.

In risposta ad un aumento di testosterone nell’organismo, le ghiandole sebacee spesso tendono a produrre un eccesso di sebo che non riesce ad essere completamente smaltito tramite il canale follicolare e che quindi può divenire luogo perfetto di proliferazione dei batteri che, normalmente, si trovano sulla superficie della nostra pelle.

Il testosterone, ormone maschile presente sia negli uomini che nelle donne, subisce alterazioni non solo durante l’adolescenza ma anche durante la gravidanza, che è l’altro momento in cui un organismo, nel giro di brevissimo tempo, subisce una variazione ormonale considerevole.

Anche in gravidanza, quindi, possono manifestarsi i classici brufoli che si presentano durante l’adolescenza anche perché, esattamente come durante l’adolescenza, anche l’epidermide produce cellule superficiali in numero superiore alla norma, per far fronte al rapido ingrossamento del corpo.

Anche in gravidanza quindi, l’effetto combinato di una maggior produzione delle ghiandole sebacee e di una maggiore produzione di cellule della epidermide che rischiano di occludere i canali follicolari, può comportare una comparsa repentina di brufoli che, come quelli dell’età adolescenziale, vanno trattati con delicata pulizia per evitare la formazione di cicatrici, in attesa che il ritrovato equilibrio ormonale ripristini il normale funzionamento delle ghiandole sebacee.

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento qui sotto

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi