Rimedi contro l’acne: la terapia cheratolitica

L’acne può essere curata attraverso tre metodologie mediche importanti: la prima è la terapia antibiotica (a base di antibiotici sistemici, assunti per via orale come Minocin, Bassado, Zitromax, o topici, come creme da spalmare sulle parti interessate) che può rivelarsi molto utile, ma che chiaramente presenta degli effetti collaterali a volte più o meno gravi. La seconda è la terapia cheratolitica e la terza è quella ormonale.
Soffermandoci sulla terapia cheratolitica. E’ importante chiarire che essa si basa su un caratteristico assunto: secondo questo tipo di rimedio, accelerare la vita media delle cellule della pelle può aiutare a rendere difficile – se non impossibile – l’infiammazione, rimuovendo così i tappi che ostruiscono le ghiandole sebacee.
La terapia cheratolitica è un rimedio a base di farmaci in un certo senso naturali, perché derivati dalla vitamina A – che come sappiamo è rintracciabile nei vegetali a colorazione giallo-arancione, nella malva, nelle carote, nella rucola, ma anche nella zucca, negli spinaci e nei cachi.
Questi farmaci vengono utilizzati in particolar modo sotto forma di pomate, anche se è vero che in alcuni casi ne esiste la possibilità di assunzione in pillole e capsule (per via orale, appunto): ad ogni modo, è bene sapere che nel caso in cui la terapia cheratolitica venga utilizzata per mezzo di farmaci topici, il suo utilizzo deve avvenire in condizioni di pelle quasi “sterili”, ovvero attraverso un’igiene ed una detersione del volto molto accurate, al fine di eliminare la desquamazione cellulare della pelle.
Tra gli effetti collaterali generali di questa terapia, dobbiamo ricordare irritazioni locali, prurito, secchezza cutanea, mentre nelle prime somministrazioni di questi farmaci si potrebbe avere l’impressione che la terapia non funzioni, anzi, addirittura assistere ad un peggioramento della situazione: del tutto normale nelle prime 2-3 settimane, alla fine delle quali la situazione migliorerà in maniera lenta e graduale, ma decisiva.

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento qui sotto

Lascia un commento

Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi