Rimedi contro l’acne: la terapia antibiotica

Se i rimedi naturali possono essere utili in molti casi per combattere la presenza dell’acne, è pur vero che non sempre essi riescono a combattere l’insorgere di questa malattia, e per questo motivo può essere decisivo l’intervento di medicinali adatti a curare l’infezione e l’infiammazione causate dalla presenza di batteri sulla propria pelle.
Le terapie maggiormente utilizzate per curare l’acne sono tre: terapia antibiotica, cheratolitica e ormonale.
Partiamo dalla prima terapia che abbiamo menzionato: la terapia antibiotica ha come scopo principale quello di debellare il propionibacterium acnes – che è appunto il responsabile principale di questa malattia – riducendo così il processo infiammatorio di cui è la causa principale.
Gli antibiotici maggiormente utilizzati in questo caso – indicati nel trattamento dell’acne lieve e moderata – sono le tetracicline e la eritromicina: prima di chiarire i loro effetti e come essi si comportano, sarebbe bene soffermarsi sul fatto che gli antibiotici sistemici – ovvero quelli assunti per via orale – sono generalmente considerati come più efficaci rispetto a quelli utilizzati per via esterna e topica (come Dalacin, Benzac, Eryacne, Zineryt), per il semplice fatto che questi ultimi, data la loro lentezza d’azione, possono far sviluppare resistenze batteriche per cui la loro efficacia nel tempo si riduce a zero.
Ad ogni modo, nella terapia antibiotica come abbiamo detto vengono utilizzati in maniera più consistente le tetracicline e l’eritromicina: il primo ceppo di antibiotici conosce tra i possibili effetti collaterali disturbi gastrointestinali (come nausea, vomito, diarrea), eventuali allergie cutanee, e la fototossicità (in questo caso sarebbe bene limitare questo effetto evitando l’esposizione al sole durante la terapia e nei giorni successivi). Essi inoltre non vanno assunti poco prima di andare a dormire, in quanto possono essere responsabili dell’insorgenza di ulcere esofagee.
Il secondo ceppo di antibiotici,utili per combattere l’acne (l’eritromicina, appunto), sono invece i meno consigliati, in quanto presentano degli effetti collaterali piuttosto gravi come la sordità transitoria.

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento qui sotto

Lascia un commento

Top